Coppa Italia Lega Pro: la Salernitana è la prima finalista

Continua il buon momento della Salernitana. Ed è ancora la Toscana a portare bene ai granata. La squadra di Gregucci, dopo essersi imposta per 5-0 sabato scorso a Viareggio nella sfida valevole per la 25a giornata di Prima Divisione Girone B, espugna anche lo “Zecchini” di Grosseto nella semifinale di ritorno di Coppa Italia Lega Pro. La Salernitana si è imposta sui padroni di casa maremmani per 2-1. I granata vincono così anche il secondo round della semifinale, dopo il successo per 3-2 dell’andata disputatasi all'”Arechi” di Salerno. La Salernitana così conquista la finale del torneo tricolore 34 anni dopo l’ultima volta (finale poi persa con il Padova). L’altra finalista verrà fuori dalla sfida di domani tra Monza e Cremonese (si parte dal risultato di 2-1 per i biancorossi).

Ci si attendeva un Grosseto aggressivo, invece gli uomini di Acori sono apparsi fin da subito remissivi. La Salernitana ha avuto così buon gioco ad amministrare l’incontro, colpendo al momento opportuno. Al 23′ Foggia lancia Gustavo a tu per tu col portiere avversario Lanni. Il pipelet del Grosseto stende l’italobrasiliano e per l’arbitro Lanza di Nichelino è rigore. Montervino segna, ma il direttore di gara ordina la ripetizione. Il capitano granata resta freddo e spiazza nuovamente Lanni per il punto dello 0-1. La Salernitana chiude i giochi al 1′ del secondo tempo. Decisivo sempre l’asse Foggia-Gustavo, con quest’ultimo che con un diagonale preciso sigla la rete del raddoppio dopo un delizioso assist dell’ex laziale. Il Grosseto cerca di reagire, ma lo fa in maniera approssimata. A parziale consolazione per i toscani, arriva il punto della bandiera al 92′. Lo mette a segno Bombagi su un rigore decretato per atterramento di Mancini in area. Subito dopo arriva il triplice fischio di Lanza. La Salernitana può cosi festeggiare l’accesso in finale.

Condividi
Nato a Salerno il 3 maggio 1986, laureato in Fisica, ex arbitro di calcio FIGC. “Sportofilo” a 360° con predilezione per calcio e ciclismo, è un acceso e convinto fantacalcista.