Il Livorno riacciuffa il Como: è 1-1 al Picchi

Il posticipo della 23esima giornata del campionato cadetto Livorno-Como rappresenta una sfida molto delicata nei bassifondi della classifica. La tensione della posta in palio si fa sentire e lo spettacolo ne risente, con le squadre più propense a non subire piuttosto che attaccare. Il gol nella ripresa di Pettinari sblocca la sfida, ma i padroni di casa riescono a pareggiare regalando un punto che al Livorno serve a poco.

L’inizio di partita è tutto di marca lombarda, ma le occasioni sono poche e nessuna di esse è pericolosa. Il Livorno fatica a ripartire e sta chiuso nella sua metà campo, soffrendo il gioco sulle fasce del Como. Dopo qualche tiro da fuori area terminati a lato, al minuto 31 Pettinari colpisce il palo al termine di una bella azione con un cross teso di Madonna che aveva messo Pinsoglio fuori causa. Prima dell’intervallo il Livorno fa collezione di calci d’angolo, sfiorando il gol prima con Vantaggiato di testa (miracolo di Scuffet) e poi con Jelenič che pareggia il conto dei pali.

Il secondo tempo si apre con il solito Vantaggiato che prima mette di poco alto di testa anticipando un difensore e poi colpisce un altro palo sugli sviluppi di un’azione confusa in area di rigore . Ma è solo un fuoco di paglia perchè al minuto 63 è il Como a passare in vantaggio: Pettinari si trova sulla traiettoria della conclusione di Barella e, in posizione di leggero fuorigioco, deposita in porta. Il Livorno non ci sta e dieci minuti dopo pareggia i conti con Borghese che, di testa, scaraventa il pallone in rete. L’espulsione di Giosa spinge i padroni di casa a credere ancora di più nella rimonta, ma Aramu e Baez nei minuti finali sprecano delle buone occasioni.

 

LIVORNO-COMO 1-1 (0-0)

Livorno (4-3-1-2): Pinsoglio 6; Gasbarro 5.5, Vergara 6, Borghese 6.5, Regoli 5.5 (64′ Baez 6); Moscati 6, Palazzi 5.5 (73′ Biagianti 6), Luci 6; Jelenič 6 (66′ Aramu 6); Comi 6.5, Vantaggiato 6.5. A disp.: Benassai, Macera, Schiavone, Ricci, Bunino, Rafati. All.: Mutti 6.
Como (4-3-1-2): Scuffet 6; Cassetti 6.5 (23′ Madonna 6), Giosa 5, Casasola 5.5, Marconi 6; Bessa 6.5, Barella 6.5, Fietta 6; Ghezzal 6; Ganz 6.5 (80′ Brillante sv), Pettinari 7 (68′ Gerardi 6). A disp.: Cortesi, Bentivegna, Scapuzzi, Kukoč, Cristiani, Crispino. All.: Festa 6.
Arbitro: Ros di Pordenone.
Marcatori: 62′ Pettinari (C), 73′ Borghese (L).
Note – Ammoniti: Gasbarro, Comi, Luci (L); Giosa, Bessa, Ghezzal (C). Espulso: Giosa (C) al minuto 76 per doppia ammonizione.

Condividi
Nato a Brescia nel marzo del 1992, ama lo sport in generale, soprattutto calcio, tennis e motori. Pratica i primi due a livello amatoriale senza grandi risultati. Appena può, ama seguire gli sport "dal vivo".