Atalanta Bologna Cagliari ChievoVerona Crotone Empoli Fiorentina Genoa Inter Juventus Lazio Milan Napoli Palermo Pescara Roma Sampdoria Sassuolo Torino Udinese

Formula 1, lettera aperta dei piloti: “Ora serve una riforma”

Formula 1, lettera aperta dei piloti: “Ora serve una riforma”

Dalle prove del primo Gran Premio della stagione è emerso lo scontento degli addetti ai lavori e degli appassionati per alcune modifiche al regolamento, in primis la nuova formula delle qualifiche. I piloti, dopo aver manifestato ai media la propria perplessità, hanno deciso di pubblicare una lettera aperta ai vertici della Federazione e a tutti gli appassionati. A nome della Grand Prix Drivers’ Association, Jenson Button, Sebastian Vettel e il presidente Alexander Wurz hanno voluto sensibilizzare gli organizzatori sulla necessità di una riforma dell’organizzazione stessa della Formula 1.

La Formula 1 attuale si trova a confrontarsi con una situazione di difficoltà economica globale, con un cambiamento del comportamento degli appassionati, dei media e delle TV. Per questo è fondamentale che i suoi vertici sappiano effettuare delle modifiche ponderate e ragionate.” spiegano i piloti, aggiungendo “Riteniamo che alcune recenti modifiche al regolamento – sia dal punto di vista tecnico e sportivo che da quello economico – siano dirompenti, che non affrontino i problemi più grandi del nostro sport e che, in alcuni casi, potrebbero mettere a repentaglio il successo futuro del nostro sport.”

I piloti si concentrano quindi sulla questione politica: “Siamo giunti alla conclusione che il processo decisionale sia obsoleto e mal strutturato e impedisca eventuali progressi. Vorremmo chiedere e sollecitare i vertici della Formula Uno e tutti i soggetti interessati a prendere in considerazione l’ipotesi di una riforma della governance.”
In chiusura, i rappresentanti della GDPA, chiariscono di aver scritto questa missiva per invitare la FIA a una collaborazione e non per lanciare critiche o strali. “Siamo uniti per offire il nostro aiuto e supporto per mantenere alto il livello della Formula 1 e fare in modo che si mantenga tale anche in futuro per le nuove generazioni di appassionati“.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *