Estero Super League (Svizzera) Svizzera

RSL svizzera 2019/20 15/a: risultati, commenti e classifica


Nella Raiffeisen Super League svizzera, lo Young Boys tenta la prima fuga della stagione. I gialloneri, battendo in trasferta il Sion, riescono così ad approfittare della contemporanea sconfitta, nell’anticipo del sabato, del Basilea a Ginevra, mettendo così 4 lunghezze tra loro e i renani, al secondo posto, ma ora incalzati, a un solo punto, dall’inarrestabile San Gallo, che ieri ha superato nettamente, in casa, lo Xamax.

I gialloneri hanno superato, dopo una partita arricchita da ben 7 reti, il Sion, all’ennesimo risultato negativo della stagione. Protagonista del pomeriggio, in Vallese, l’attaccante Nsame, autore di una tripletta, e già sul taccuino di diverse società importanti all’estero (si parla di contatti anche con alcune compagini della Serie A) e Assalé.

Al 23′, le due squadre avevano già segnato 4 reti: 2 i gol di Nsame nei primi minuti dell’incontro, e due quelle di Kasami per riequilibrare il risultato. Il duello tra il camerunense e l’ex Bellinzona è proseguito anche nella ripresa, ma è stato Assalé, al 76′, a risolvere la contesa a favore dei suoi.

A Ginevra, il Servette, con una prestazione di spessore, ha invece superato il Basilea. Passati in vantaggio con Stevanović al 7′, i Grénat hanno continuato a mordere gli avversari, e solo un Omlin in versione nazionale ha impedito ai renani di affondare. Nella ripresa, gli ospiti sono partiti con tutt’altro piglio: prima una traversa colpita da Alderete, e poi una lunga serie di conclusioni pericolose che hanno tenuto gli spettatori presenti con il fiato sospeso sino alla rete della sicurezza nel recupero, segnata da Kone.

Vittoria importante, per il Lugano, a Thun. Ticinesi subito in vantaggio al 4′ grazie ad Aratore, grazie a una bella conclusione a giro. Il raddoppio bianconero è arrivato al 17′ con Bottani, abile a sfruttare un rinvio sbagliato del portiere avversario.

Nella ripresa, i bernesi hanno provato a rientrare in partita, trovando però solo un legno colpito da Rapp. I sottocenerini, però, grazie a Daprelà, al 74′ hanno però messo in cassaforte la vittoria, che consente loro di raggiungere la settima piazza, a 7 lunghezze dallo stesso Thun, lanterna rossa, e a 4 dallo Xamax al penultimo posto.

Nell’ultima sfida di ieri, il San Gallo ha confermato il proprio ottimo periodo di forma, superando nettamente in casa il Neuchâtel Xamax. Al kybunpark il dominio da parte dei padroni di casa è stato netto e indiscutibile: chiudendo la prima frazione 2-0 (gol di Letard al 29′ e Itten al 39′) i Brodisti avevano infatti ipotecato l’incontro. Nella ripresa, non è cambiato il copione della partita: Neitzke ha provato a riaprire la partita per gli ospiti, ma prima Babic e poi Demirović hanno chiuso bruscamente la porta in faccia ai rossoneri.

Lo Zurigo, nell’anticipo, ha tenuto il passo delle formazioni di testa, superando nettamente in casa un Lucerna sempre più in crisi. Ci ha pensato Kramer ad aprire le danze al 13′; ma la partita si è fatta decisamente in salita per gli svizzerocentrali dopo l’espulsione di Eleke, al 41′. Nella ripresa è stato facile, per i tigurini, mantenere il pallino dell’incontro, andando ancora in gol con Schönbächler e Kramer.

RSL svizzera 15/a giornata – Risultati finali

Sabato 23 novembre

Thun-Lugano  0-3  (0-2)
San Gallo-Xamax  4-1  (2-0)
Sion-Young Boys  3-4  (2-3) 

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *