Estero Super League (Svizzera) Svizzera

RSL svizzera 2019/20 17/a: risultati, commenti e classifica


Penultimo turno, prima della sosta, per la Raiffeiesen Super League svizzera, bella e avvincente come non accadeva da anni, con tre compagini in lotta per i primi posti della graduatoria.

Ad aprire le danze, negli anticipi di sabato, è stata la capolista Young Boys, che ha fatto bottino pieno contro un Lucerna ormai alla sesta sconfitta consecutiva.

I gialloneri, tuttavia, sono apparsi un po’ appannati rispetto ad altre occasioni e già, probabilmente, con la testa in Scozia dove, giovedì, si giocheranno contro i Rangers il passaggio al turno successivo di Europa League, reso complicato dalla sconfitta subita in casa a opera del Porto. A partire meglio è stato quindi il Lucerna il quale, però, non è riuscito a concretizzare. Nella ripresa, invece, sono stati i bernesi a passare, grazie a uno sfortunato autogol del capitano biancoblù Schürpf.

Nell’altro anticipo, bella prestazione, alla Maladière di Neuchâtel, del Lugano. I bianconeri, infatti, nonostante le tante assenze, hanno giocato una buona partita, e avrebbero probabilmente avrebbero meritato più del pareggio finale.

Partiti in attacco, i bianconeri hanno incassato il vantaggio avversario per mano del solito Nuzzolo, e grazie a un posizionamento maldestro della retroguardia. L’undici di Jacobacci non s è però perso d’animo, macinando gioco, e nonostante la sorte abbia loro negato il meritato gol del pareggio (legni colpiti da Lavanchy e Daprelà).

Nel secondo tempo la sfida non ha cambiato copione, con i ticinesi sempre avanti. Il Lugano, tuttavia, ha dovuto attendere sino al 73′ per salutare il pareggio, ottenuto grazie a una punizione dal limite trasformata da Custodio.

Ieri è arrivata la risposta delle inseguitrici dei bernesi, a suon di gol. Il Basilea ha tritato senza patemi renani il Sion, che voci darebbero vicino a Celestini (in Svizzera sono possibili i cambi in panchina durante la stagione tra società della Super League). Partita senza storia, con Cömert che ha aperto le danze al 23′ con una fiondata dalla distanza. Da quel punto è stata la domenica di Cabral (ve lo abbiamo già scritto: segnatevi questo nome) il quale ha messo a segno una doppietta e colpito un palo. Il 4-0 è stato invece opera di Pululu.

Il San Gallo è invece uscito da Thun col bottino pieno, inguaiando così ancora di più la compagine bernese. I Brodisti sono passati al 3′ con Babic, con la compllicità però della difesa biancorossa. Da quel momento, la sfida per i biancoverdi è andata in discesa: Babic è andato ancora a segno al 34′, mentre nella ripresa Itten e Guilleminot hanno arrotondato il punteggio. Di Salanović l’unica rete dei bernesi.

Grande, inverce, la prova del Servette al Letzigrund. I ginevrini, che avevano già dimostrato nelle scorse settimane di essere una compagine forte e quadrata, hanno letteralmente sbriciolato lo Zurigo, che pure veniva da una serie positiva di cinque vittorie consecutive. L’undici di Geiger ha mostrato le qualità che avevamo visto a Lugano la scorsa settimana, ma ha avuto dalla sua ben concretezza. Di rilievo la prestazione del coreano Park, schierato per la prima volta nell’undici iniziale, e autore di 3 reti. Di Kone e Cespedes gli altri gol dei Grénat.

RSL svizzera 17/a giornata – Risultati finali

Sabato 7 dicembre

Zurigo-Servette  0-5  (0-2)
Thun-San Gallo  1-4  (0-2)
Basilea-Sion  4-0  (2-0) 

Legenda: qualificate ai preliminari della CL, qualificate ai preliminari di EL, allo spareggio per non retrocedere con la 2/a di Challenge League, retrocessa in Challenge League.





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *