Euro 2000 Francia In Primo Piano Le Rubriche Di Mondosportivo Mondiali 1998 Nicolas Anelka Pallone in Soffitta Stéphane Guivarc'h

Pallone in Soffitta – Guivarc’h-Anelka, punte spuntate della Francia campione


L’epoca d’oro della Nazionale francese è indissolubilmente legata al periodo 1998-2000, quando arrivarono in rapida successione un titolo mondiale e la corona europea. Quei trionfi ebbero una particolarità, per i galletti: un terminale offensivo spuntato, che però non pregiudicò le vittorie della squadra.

1998. La Francia si appresta a ospitare per la seconda volta nella sua storia i campionati del mondo di calcio. Nel 1938, quando il trofeo portava ancora il nome del fautore dell’evento iridato Jules Rimet, i padroni di casa si erano fermati ai quarti di finale contro l’Italia. A distanza di 60 anni, ecco il bis. Un periodo infinito, il calcio nel frattempo è cambiato tantissimo. Così come la Francia è diventata una rappresentativa multietnica. In precedenza alcuni esempi isolati ma significativi, vedi Ben Barek, Tresor e Sahnoun. La Nazionale guidata da Aimé Jacquet cerca nel 1998 di far gioire un intero Paese, quando le stelle della squadra portano in dote le origini più disparate. Nell’ultimo biennio si è fatto però largo un centravanti locale, nativo della Bretagna – precisamente di Concarneau – che esplode letteralmente e non può essere ignorato in quel periodo. Si tratta di Stéphane Guivarc’h, classe 1970, che ha vinto il titolo di capocannoniere in Ligue 1 con la casacca del Rennes (22 reti). Visto che anche la stagione seguente inizia con il piede giusto per lui, Jacquet lo convoca facendolo esordire (con gol) contro il Sudafrica in amichevole. Siamo nell’ottobre 1997, nel frattempo l’attaccante è passato all’Auxerre del mitico Guy Roux. Lo stato di forma felice prosegue, mese dopo mese. E così continuano pure le apparizioni al centro dell’attacco transalpino, sempre dal primo minuto. In avanti Jacquet può contare inoltre sui giovani terribili del Monaco Henry-Trézéguet: però alla fine sceglie lui. Gioca Guivarc’h lì davanti al Mondiale, con la casacca numero 9 sulle spalle. Laureatosi di nuovo capocannoniere del campionato, stavolta con 21 gol, è il prescelto. Il bello – per fortuna dei francesi – è che Zidane & soci vincono il Mondiale, segnano un po’ tutti ma lui proprio no. Stéphane Guivarc’h resta a secco nelle 6 gare su 7 di quelle disputate nella manifestazione (compresa la finale con il Brasile) e solleva la Coppa. La sua esperienza con la maglia della Francia terminò di fatto lì, anche se riuscì ben 15 mesi più tardi a giocare la 14ª e ultima volta con i galletti.

2000. La Francia ha ormai acquisito una grande consapevolezza dopo il successo mondiale del 1998. I suoi migliori calciatori militano nei club europei più importanti, molti dei quali di stanza nella Serie A italiana. Un gruppo capitanato da Deschamps e orchestrato in campo dal genio di Zidane, sorretto in difesa da campioni come Thuram, Blanc e Lizarazu, con pochi inserimenti in rosa rispetto al trionfo casalingo. Jacquet lascia la panchina all’apice della carriera, dopo la Coppa del Mondo vinta a Saint-Denis. Gli subentra Roger Lemerre. Nelle qualificazioni per l’Europeo 2000 la Francia vince il girone 4 per un punto sull’Ucraina, che maledice l’ultimo turno: Shevchenko e compagni vengono bloccati sul pari in Russia, mentre gli uomini di Lemerre hanno la meglio sulla coriacea Islanda. Il gol qualificazione lo segna David Trézéguet. Tutto bene, quindi. Però salta all’occhio come tra i Bleus resti cronico il problema di un terminale offensivo affidabile. A turno vanno a rete i vari Djorkaeff (3 gol), Dugarry, Wiltord (2), Boghossian, Candela, Laslandes, Leboeuf, Petit, Pires, Trézéguet e Zidane (1). Realizza una rete anche Nicolas Anelka, attaccante classe 1979 appena passato dall’Arsenal al Real Madrid. Enfant terrible del calcio francese, non vive un’annata 1999-00 positiva: per i primi 5 mesi non segna, a marzo viene sospeso dal presidente Sanz per aver rifiutato di allenarsi dopo un litigio con Del Bosque. Però ha la fortuna di mettersi in mostra nelle battute finali, soprattutto in Champions League: segna sia all’andata che al ritorno nella semifinale contro il Bayern Monaco, risultando decisivo. Nella finale con il Valencia, vinta per 3-0, gioca dal primo minuto. È abbastanza per convincere Lemerre a convocarlo per la fase finale di Euro 2000, sfruttando il positivo periodo di forma. Un posto da titolare è suo. Ma anche questa volta, il terminale scelto dal ct non riesce a trovare la rete nonostante la reiterata fiducia. La Francia infila l’accoppiata Mondiale-Europeo, che riuscirà solo la Spagna ad eguagliare nel decennio seguente. Per Nicolas Anelka, un inizio vincente con la Nazionale a cui seguirà una scomparsa dai radar per anni. Durante la successiva carriera da nomade del pallone, riuscirà a totalizzare l’apprezzabile score di 69 presenze e 14 reti con la casacca dei galletti, fino al 2010.

 

Già pubblicati:

  1. Un incantesimo dorato di nome Malines (12 settembre 2019)

2. Roma-Dundee 3-0, quella pazza rimonta (19 settembre 2019)

3. L’accecante e incompiuto miracolo Parma (26 settembre 2019)

4. 1992: l’ultima Jugoslavia mancata (3 ottobre 2019)

5. Le parabole spezzate di Guerini e Roggi (10 ottobre 2019)

6. Gli stranieri di Romeo Anconetani (17 ottobre 2019)

7. Le due settimane che uccisero la Grande Inter (24 ottobre 2019)

8. L’invasione scandinava degli anni ’50 (31 ottobre 2019)

9. Vincenzo Scifo, fuoriclasse a metà (7 novembre 2019)

10. L’ultimo volo di Marco van Basten (14 novembre 2019)

11. La Polonia e la rivolta di Okecje (21 novembre 2019)

12. Bruno Nicolè, campione di cristallo (28 novembre 2019)

13. Bruno Mora, guizzi e malasorte di un campione (5 dicembre 2019)

14. Il sequestro del bomber Quini (12 dicembre 2019)

15. L’ultima fatica di Tommaso Maestrelli (19 dicembre 2019)

16. Annibale Frossi, il goleador con gli occhiali (26 dicembre 2019)

17. I tratti straordinari di Marino Guarguaglini (3 gennaio 2020)

18. De Matthaeis: “Io, da Foggia ai Cosmos” (9 gennaio 2020)

19. Ravanelli, Zola & Co. : cannonieri (e bidoni) in England (16 gennaio 2020)

20. Attila Sallustro, il primo re di Napoli (23 gennaio 2020)

21. CSI, dieci partite per una meteora (30 gennaio 2020)

22. Luceafarul, fucina di campioni nel regime Ceausescu (6 febbraio 2020)

23. Hatzipanagis, il Nureyev del calcio (13 febbraio 2020)

24. Serpentina breve di Rob de Wit (20 febbraio 2020)

25. Rodolfo “Sciabbolone” Volk, una vita di romanzo (27 febbraio 2020)

26. Tomas Brolin, il destino in un cross (6 marzo 2020)

27. Acqua e pallone, la storia di Luigi Burlando (12 marzo 2020)

28. Edmondo Fabbri, trent’anni di solitudine (19 marzo 2020)

29. Edna Neillis e Rose Reilly, dalla Scozia per stupire (26 marzo 2020)

30. Serie A 1987-88, la breve avventura dei bomber stranieri (2 aprile 2020)

31. L’ultima battaglia di Giorgio Ferrini (9 aprile 2020)

32. Lionello Manfredonia, un gelido pomeriggio (16 aprile 2020)

33. Stábile e Fontaine, gol e destino killer (23 aprile 2020)

34. Élber e la sfuggente maglia del Milan (30 aprile 2020)

35. Lee Tae-ho, un mondiale contro la disabilità (7 maggio 2020)

36. Jimmy Greaves, quando volarono gli stracci tra Londra e Milano (14 maggio 2020)

37. Bayer Uerdingen, fiammata e declino inesorabile (21 maggio 2020)

38. Ezio Sclavi: portiere, prigioniero, pittore (28 maggio 2020)

39. Carlo Carcano, pettegolezzo e colpevole oblio (4 giugno 2020)

40. Marcel Peeper, 18 minuti che cambiano ogni cosa (11 giugno 2020)

41. Rocambolesco e doloroso viaggio di Nii Lamptey (18 giugno 2020)

42. Ahmed Radhi, leggenda dell’Iraq, vinta solo dal Covid-19 (25 giugno 2020)

43. Vladimír Weiss, il calciatore che visse… tre volte (2 luglio 2020)

44. Café, denaro e fuga: la storia di Raymond Braine (9 luglio 2020)

45. Da Victorino a Nández: il Cagliari targato Uruguay (16 luglio 2020)

46. La leggenda di Biri Biri, pioniere africano in Europa (23 luglio 2020)

47. Vita, sospetti e tragedia della giacchetta nera Guruceta (31 luglio 2020)

48. Gentile & co., gli italo-libici della Serie A (6 agosto 2020)

49. Il Belgio e i croati del gol (13 agosto 2020)

50. Il grande rimpianto di Viliam Schrojf (20 agosto 2020)

51. Il volo spezzato di Avi Ran (17 settembre 2020)

52. Genesi e apogeo della Sampdoria di Paolo Mantovani (1° ottobre 2020)

53. L’egoista Gonella e la previsione azzeccata al Mundial ’78 (9 ottobre 2020)





Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *